La vita quotidiana

Un km di lunghezza e 500 metri di larghezza, mille abitanti, tre moschee, un piccolo porticciolo, una scuola, un campo sportivo, una piazza, una main street, una decina di minimarket e negozi, un diving, una clinica medica, la casa municipale dove si riunisce il consiglio dell’isola e l’ufficio giudiziario accanto, una mezza dozzina di ristorantini, un ottimo impianto di depurazione e trattamento delle acque, un impianto di distruzione dei rifiuti, un impianto di produzione di energia elettrica. Sono questi in estrema sintesi i numeri che fanno di Ukulhas un’isola perfettamente autosufficiente nel cuore dell’Oceano Indiano.

La vita è scandita dalla preghiera quotidiana secondo le regole del Corano. La giornata per gli abitanti del posto si sviluppa in questo modo: gli uomini, dopo la preghiera del mattino, si dedicano alla pesca, alle attività di carpenteria e di costruzione, al commercio, al timido turismo che comincia ad affacciarsi sull’isola. Molti prendono la prima barca che va a Male, la capitale, per poi rientrare a sera. I bambini vanno a scuola, le donne si occupano, come in tutti i posti del mondo, delle faccende domestiche: spesa, cucina, sistemazione della casa. Il pomeriggio è caratterizzato da una sosta durante le ore più calde e poi dal bagno nelle acque cristalline: le donne completamente vestite di nero, gli uomini in costume e maglietta. Al calar del sole bambini e donne amano giocare sulle montagne di sabbia corallina, arrampicandosi e scivolando giù, oppure praticano sport, prevalentemente basket e pallavolo. Appuntamento fisso al porto quando arriva la barca da Male, con posta, pacchi e visitatori. La sera c’è sempre spazio per una cenetta al ristorante, oppure per quattro passi lungo le vie dell’isola. Mezzi di trasporto: scooter e motorini.

Assai positiva è la dislocazione delle strutture di servizio (smaltimento rifiuti e power house per la produzione di energia elettrica): infatti sono defilati in modo tale da non arrecare disturbo ai turisti che soggiornano a TheCoral: nessun odore, niente fumo, nessun rumore, salvo quello delle onde sulla spiaggia, che cullano i sogni durante la notte.